Politica internazionale

Deflazione Cina. Un’opportunità per le nostre imprese se gli europei non fossero cotanto miopi

L’analisi approfondita della deflazione in Cina rivela le sue radici nei settori alimentare e della produzione. Mentre la nazione combatte questo declino dei prezzi, l’articolo esplora le potenziali opportunità e le implicazioni per l’economia globale, con uno sguardo particolare all’Europa.

La Cina affonda ma gli economisti nostrani non lo ammettono. In queste ore, aumentata a dismisuara la deflazione. Questo fenomeno si verifica quando i prezzi generali dei beni e dei servizi diminuiscono, causando una contrazione nell’indice dei prezzi al consumo. Nel mese di novembre, i dati hanno mostrato una diminuzione annua del 0,5% nei prezzi al consumo, superando le stime precedenti.

“Wish” è un’applicazione di e-commerce e piattaforma online che collega i consumatori a venditori per acquisti a prezzi scontati. Gli utenti possono trovare una vasta gamma di prodotti, spesso provenienti da fornitori internazionali. Matrice cinese così come asiatica è la logistica. Esempio par excellance di capitalismo applicato nel comunismo

La principale causa di questa deflazione è stata la frenata nel settore alimentare, che ha registrato una contrazione del 4,2%, rispetto al -4% del mese precedente. In particolare, il calo delle quotazioni della carne di maiale ha contribuito a questa tendenza al ribasso. Questi fattori hanno alimentato un ciclo discendente nell’indice dei prezzi al consumo.

Il confronto

Parallelamente, i prezzi alla produzione hanno registrato un calo annuo del 3%, superando il -2,6% di ottobre e le previsioni di mercato del -2,8%. Questa diminuzione è il quattordicesimo calo mensile consecutivo, il più ampio dall’agosto precedente, segnalando le difficili condizioni economiche.

Le implicazioni di questa deflazione possono essere gravi per l’economia cinese. Una contrazione dei prezzi può portare a una riduzione della spesa dei consumatori, poiché molte persone potrebbero rimandare i loro acquisti aspettando ulteriori riduzioni dei prezzi. Questo comportamento può creare un circolo vizioso, causando una contrazione economica.

Inoltre, la deflazione può rendere più difficile onorare il debito pubblico, poiché i debiti fissi diventano più onerosi in un contesto di calo dei redditi e dei prezzi. Le imprese potrebbero sperimentare una diminuzione dei profitti, con conseguente impatto negativo sugli investimenti e sull’occupazione.

Che opportunità, se e solo se l’Europa…

La Cina si trova ora di fronte alla sfida di contrastare la deflazione e stimolare la crescita economica. Gli sforzi per stabilizzare i prezzi e ripristinare la fiducia dei consumatori sono cruciali per evitare una spirale negativa che potrebbe indebolire ulteriormente l’economia. Le autorità economiche stanno concentrando la loro attenzione su misure efficaci per invertire questa tendenza e ristabilire un clima economico più sostenibile.

La deflazione in Cina potrebbe rappresentare un’opportunità per l’economia europea. Con i prezzi in calo, le importazioni cinesi potrebbero diventare più accessibili, favorendo la competitività delle imprese europee. Ciò potrebbe stimolare la domanda interna ed essere un motore per una dinamica economica più forte nell’Europa continentale.

redazione

CS POLARIS

Polarità - Assalto culturale - Autonomie. Il primo Think Thank italiano al servizio della comunità nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Language