Ago Magnetico

Il grande show dell’IA: tra fantasie di beneficio e catastrofi anticipate

Il tanto atteso dibattito sull’intelligenza artificiale (IA) di quest’anno si è rivelato meno scintillante di un diamante sotto la luce di una candela. Mentre alcuni osannano l’IA come il “beneficio supremo,” altri si preparano all’apocalisse umanitaria, trasformando il dibattito in un thriller psicologico con meno suspense del previsto. L’IA, forse stufa di rimanere in secondo piano, sembra aver deciso di concedersi una pausa dal centro dell’attenzione, lasciando gli spettatori con un applauso a singhiozzo.

Un Reality Show Intellettuale in Diretta

La tentazione di sostituire certe menti, specialmente quelle che attingono alle loro “conoscenze” da fonti più discutibili di una dieta alimentare da drive-thru, sembra essere la trama di un reality show intellettuale. Nel frattempo, il mondo progressista, sempre in “prima linea” in ogni azione sovversiva, sembra ballare al ritmo di un DJ ubriaco quando si tratta di definire una posizione sull’IA. Chi direbbe che la sovversione intellettuale avrebbe bisogno di qualche lezione di danza?

L’escatologia del palcoscenico e il tango delle professioni intellettuali

Il tenore della discussione sull’IA sembra essersi staccato dal palcoscenico dell’approccio spirituale europeo, trasformandosi in un melodramma di escatologia da palcoscenico. Come attori improvvisati senza uno script, gli approcci spirituali ballano una danza caotica. Nel frattempo, nel balletto delle professioni intellettuali, sembra che il palco principale sia riservato a professori universitari e magistrati. I progressisti postcomunisti rischiano di diventare vittime della loro stessa commedia, mentre i protagonisti intellettuali si preparano a essere sostituiti da macchine più affidabili.

Il sipario cala, ma il pubblico resta in attesa

In conclusione, il grande show dell’IA continua, con i suoi atti di dramma, ironia e suspense. Mentre il sipario cala momentaneamente, il pubblico resta in attesa di scoprire quale sarà il prossimo colpo di scena di questo affascinante dramma tecnologico. Forse l’IA tornerà sulla scena con nuove mosse coreografiche, o forse deciderà di prendersi una pausa prolungata.

Ma una cosa è certa: il grande show dell’IA non ha ancora rivelato tutti i suoi trucchi, e gli spettatori, tra curiosità e perplessità, restano attaccati alle loro poltrone, pronti a vivere il prossimo atto di questa commedia futuristica.

Ferdinando Viola

CS POLARIS

Polarità - Assalto culturale - Autonomie. Il primo Think Thank italiano al servizio della comunità nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Language